SELFIE

Di Agostino Ferrente, 2019, 78’ 

Napoli, Rione Traiano. Nell’estate del 2014 un ragazzo di sedici anni, Davide, muore, colpito durante un inseguimento dal carabiniere che lo ha scambiato per un latitante in fuga. Anche Alessandro e Pietro hanno 16 anni e vivono nel Rione Traiano. Sono amici fraterni, diversissimi e complementari, abitano a pochi metri di distanza, uno di fronte all’altro, separati da Viale Traiano, dove fu ucciso Davide, infatti furono tra i primi ad avvertire il colpo di pistola e raggiungere il corpo senza vita del loro vicino di casa.

 

 

Nato a Cerignola, Agostino Ferrente ha prodotto e diretto con Giovanni Piperno Il film di Mario (1999) e Intervista a mia madre (2000). Nel 2001 fonda a Roma il gruppo Apollo Undici con il quale crea L’Orchestra di Piazza Vittorio, protagonista di un documentario omonimo. Le cose belle (2014), co-diretto con Piperno,  è presentato alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia e racconta dieci anni nella vita di quattro giovani napoletani. Il suo ultimo documentario Selfie (2019) ha partecipato nella sezione Panorama al Festival di Berlino.